Pasta con zucchine, gamberi e salsa di peperoni

Dipingere mi diverte molto, peccato non avere tempo a sufficienza, anche perché avrei bisogno di fare un corso appropriato; avendo frequentato il liceo classico non tocco i pennelli dalla scuola media (ah, no, a dir il vero quando i mie figli erano presi con le loro tavole di arte, mi inventavo ogni scusa per aiutarli...). Forse prima della pittura, nei miei desiderata metterei uno strumento musicale, ma la chitarra no, ho già dato, il mio sogno è il pianoforte, ma occupa molto spazio in casa... E al pianoforte unirei anche un corso di canto (lirico, ovvio), e quando avrò tanto ma proprio tanto tempo mi dedicherò anche al giardinaggio (zen, ovviamente). Altro desiderio, da sempre, un corso di taglio e cucito! Finora mi è stato proibito da mio marito perché conoscendomi sa che si ritroverebbe una casa piena di lavori lasciati a metà! Ma con tutte le stoffe che colleziono da quando ero piccola (le adoro, anche stamattina al mercato ho trovato delle belle chicche vintage!), con tutte quelle della bisnonna o quelle acquistate durante i miei viaggi, sarebbe un peccato non dare loro una nuova vita! 

Diciamo che sono a buon punto: i figli, ormai grandicelli, impegnano molto meno, e la cosa positiva nel vederli crescere (tornerei volentieri indietro di 15 anni per spupazzarli ancora!) è che ti regalano qualche preoccupazione in più ma ti restituiscono quel tempo libero che prima era dedicato ai compiti ed allo sport. Questione di poco, e mi vedrete (sui social) con tavolozza e tempere, intanto mi diverto a mettere colore nei piatti. Anzi, mi diverto a giocare con i colori. Così ho dato un po' di luce ad una pasta molto scura, al nero ho unito l'arancio ed il verde. Peperoni, zucchine, e alla fine qualche coda di gambero. Buona e bella, ve lo posso garantire.

In foto ho tenuto gli ingredienti un po’ separati… si sa, il look vuole la sua parte e avendo una pasta scura l'avrei sporcata se avessi unito la salsa di peperone. Se invece adopererete una pasta bianca, potete andare tranquilli e saltarla in padella. 

Happy cooking!

Ingredienti

320 g pasta (linguine, calamarata, mezzi paccheri) se reperibile, calamarata al nero di seppia

600 g di gamberi

2 cucchiai di trito di carote, sedano, cipolla

2 peperoni rossi di media grandezza

3 zucchine piccole

Vino bianco

Origano fresco

Olio extra vergine d'oliva

Sale

Procedimento

Arrostire i peperoni, spellarli, privarli dei semi e frullarli con due cucchiai di olio extra vergine d'oliva e qualche cucchiaio di acqua calda. Salare a sufficienza.

Pulire i gamberi, sgusciarli (mettere da parte carapaci e teste) e tenerli in frigorifero, ben coperti.In un tegame scaldare 2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva, aggiungere il trito di sedano, carota, cipolla, cuocere per qualche minuto, aggiungere i carapaci e le teste schiacciarli con il cucchiaio di legno, aggiungere due litri di acqua, far cuocere per mezz'ora circa.

Filtrare il brodo direttamente in un tegame per la cottura della pasta, tenerne da parte una mezza tazza, aggiungere sufficiente acqua e portare ad ebollizione, salare, quando tutti gli ingredienti saranno pronti vi si cuocerà la pasta.

In una padella larga antiaderente scaldare 3 cucchiai di olio e farvi cuocere le zucchine. Cuocerli a fiamma alta, brevemente, salandoli solo al termine di cottura.

Trasferire le zucchine in un piatto e nella stessa padella cuocervi le zucchine con due cucchiai di olio e sfumarli con qualche cucchiaio di vino. Farlo evaporare velocemente, rimettere le zucchine e la pasta appena scolata. Aggiungere qualche cucchiaio di fondo di crostacei e profumare con foglioline di origano. Ancora un minuto di cottura per amalgamare gli ingredienti. Trasferire in piatto da portata Servire con la salsa di peperoni, mantenuta tiepida.

Se si ha fretta si può cuocere la pasta anche in acqua salata, in questo caso il sapore del gambero si sentirà meno. Il consiglio è di preparare subito un brodo quando si hanno dei gamberi e conservarlo in freezer così sarà sempre pronto all’uso.