Strudel di zucchine

Strudel di zucchine

Storia di viaggi e di viaggiatori, di signori alla conquista di territori lontani, e di ricette che passano di mano in mano, di gesti che in cucina si emulano e si ripetono per riprodurre quello che la vista ha catturato e la memoria del gusto ha fatto suo.

Lo strudel, in forma diversa da quella che conosciamo, trae la sua origine nel baklava, un dolce dell'allora Impero Bizantino, tante sfoglie sottili intervallate da ripieno di miele, zucchero e frutta secca. I turchi lo importarono nelle zone dell'Ungheria che erano sotto il loro dominio, e di qui si diffuse in forma di rotolo ripieno nei territori dell'impero austro-ungarico e prese il nome di strudel..

In Italia lo ritroviamo nei territori del Nord-est. E noi, che quanto a fantasia ne abbiamo da rivendere, dentro quella sfoglia (più o meno sottile) abbiamo racchiuso ripieni straordinari.

A me piace sbizzarrirmi nelle versioni salate e dolci, per questo non ne preparo mai uno solo, fatta la pasta, uno salato, l'altro dolce. Ed ecco uno dei miei preferiti, il ripieno ha dolcissime zucchine novelle. 

Preferisco di gran lunga lo strudel con pasta sottile, e per farla è molto importante impastare a lungo, batterla e ribatterla. E poi vedrete che dopo un lungo riposo sarà facile tirarla così sottile e trasparente da permettervi la lettura di un giornale, come le nonne raccomandano.

Per chi proprio non si vuole cimentare nella pasta strudel consiglio la pasta phillo, con la raccomandazione di spennellare ogni strato con olio o burro fuso.

Happy cooking!

Ingredienti

Per la pasta

150 g di farina

2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva

1 uovo

2-3 cucchiai di acqua tiepida

Un pizzico di sale

500 g di zucchine novelle

150 g  di emmenthal (o scamorza) grattugiato

6-7 foglie di basilico

2 uova

Sale

50 g di burro sciolto a bagnomaria

Procedimento

Preparare la pasta versando i liquidi (acqua, olio d'oliva, uovo battuto) al centro della fontana di farina.

Lavorare bene l’impasto, se risulta troppo appiccicoso aggiungere un po’ di farina. Impastarlo a lungo, batterlo vigorosamente.

Oliare l’impasto, scaldare una terrina e con questa coprire l’impasto. Farlo riposare almeno 30 minuti.

Scaldare il forno a 200°C:
Preparare gli ingredienti per il ripieno. Affettare molto sottilmente le zucchine (se si utilizzano quelle più grandi, salarle e metterle in uno scolapasta, in questo modo perderanno parte dell’acqua di vegetazione, quindi sciacquate e asciugate bene).

Stendere la pasta su un canovaccio pulito e infarinato, tirandola molto sottile, aiutandosi con il dorso delle mani infarinate.

Battere le due uova, aggiungere il formaggio grattugiato. Spezzettare le foglie di basilico, aggiungerle alle mistura di uova.

Allineare le zucchine , tutte nella stessa direzione, orizzontalmente.

Spargere il composto di uova. Iniziando da uno dei lati lunghi arrotolare la pasta, con l’aiuto del canovaccio.

Disporlo nella teglia del forno a forma di ferro di cavallo. Spennellare con burro fuso, cuocere per circa 40 minuti.

Sfornare e servire subito.