Tonno di coniglio (o coniglio tonnato)

Tonno di coniglio (o coniglio tonnato)

L'arte del conservare… Un'arte antica che i nostri nonni hanno saputo elaborare molto bene. Questione di sopravvivenza, lunghi inverni da passare e pochi ingredienti da raccogliere nel campo, oppure avventurosi viaggi da affrontare e l'esigenza di poter portare al seguito delle pietanze per il sostentamento, di qui la conservazione sott'olio (o strutto), sott'aceto, sotto sale; le confetture e le canditure...

Oggi abbiamo perso l'abitudine di riporre, stipare, conservare, troviamo tutto e in tutte le stagioni. Piuttosto, abbiamo l'esigenza di preparare prima e cuocere dopo, preparare e congelare, preparare la base e completare al momento opportuno. E questo piatto rientra nella categoria preparo prima, lascio insaporire per uno-due giorni, lo porto a tavola casomai con dell'insalata mista o/e fagioli bianchi. Un piatto della tradizione piemontese, così chiamato perché il metodo di preparazione è uguale a quello che si utilizza per il tonno.

E' un piatto perfetto in ogni stagione, qualche pezzettino di coniglio così preparato potrà rendere strepitoso un panino. Risolutivo quando si hanno tanti ospiti, ideale come piatto da buffet. 

Happy Cooking!

Ingredienti

1 coniglio intero

5 L di brodo vegetale

1 bicchiere di vino bianco

2 foglie di alloro

1 rametto di rosmarino

2 chiodi di garofano

Foglie di salvia

4-5 spicchi d'aglio

Olio extra vergine d'oliva

Sale

Pepe in grani

Procedimento

Mettere il brodo vegetale in un tegame capiente e portarlo ad ebollizione. Aggiungere il vino, l’alloro, il rosmarino, i chiodi di garofano.

Tagliare in tre parti il coniglio: spalle, carré, cosce. Mettere a cuocere prima le cosce e le spalle lasciare sobbollire e, dopo circa 10 minuti, unire il carré.

Spegnere il fioco dopo circa 30 minuti.

Scolare i pezzi di coniglio, lasciarli intiepidire.

Tamponarli con carta assorbente da cucina e, quando sono tiepidi, disossarli.

Disporli in una terrina (o in un barattolo) con spicchi d'aglio e foglie di salvia e coprire il tutto con olio extra vergine d'oliva.

Lasciate riposare in luogo fresco per almeno un giorno.