Bocconcini di carne con nastri di zucchine e carote

Ho due sorelle, Daniela e Valeria. Sono ben più piccole di me, 5 e 8 anni in meno, nel tempo quella distanza dovuta all’età si è notevolmente accorciata, oggi abbiamo uno splendido rapporto. Ci vediamo poco, ahimè, loro vivono entrambe a Roma, e questo a volte mi rende gelosetta, io sono qui a Milano, da sola… ma il telefono ci permete di sentirci anche tutti i giorni.

Dunque, Daniela e Valeria sono le mie sorelle ‘di sangue’. E poi ci sono le altre ‘sorelle’, le amiche, ma quelle speciali, con cui ho una particolare affinità, quelle che non vedi l’ora di sentire, di vedere, di poter trascorrere del tempo con loro. Ne ho diverse, e non le posso elencare per non fare del torto a nessuna di loro, alcune in Italia, da Nord a Sud, altre all’estero, come Elsa, sudafricana che vive a Singapore, con cui trascorrerò parte delle mie vacanze estive (non vedo l'ora!).

Rossana, invece, è la mia ‘sorella’ siciliana. La signora delle ceramiche, poiché è sposata con Tano Caleca, e per amore ha lasciato la sua attività forense e si è buttata a capofitto nelle splendide creazioni in ceramica (forse meglio dire maiolica, per tant’è la qualità che le distingue). E' lei che crea nuovi decori per gli spiendidi piatti e arredi per la tavola, organizza mostre o incontri tra artisti, ed è impossibile non essere travolti dalla sua vulcanica creatività.

Ci conosciamo da soli 5 anni, ma è come se ci conoscessimo da sempre, abbiamo anche una vaga somiglianza fisica, al punto che una volta, ospite da lei, alcuni suoi (!) parenti mi hanno chiamato Rossana, scambiandomi per lei… e persino mia madre, suo padre, hanno notato qualcosa che ci accomuna, forse le espressioni del viso... 

Rossana ovviamente è anche un’appassionata di cucina, inevitabilmente parliamo spesso anche di cucina-ricette-e dintorni. Qualche anno fa, scrivendo un ricettario sulla pasta le chiesi una sua ricetta e mi diede quella delle 'tagliatelle con nastri di zucchine e carote’. E’ semplice e veloce, basta saltare per poco tempo in padella le verdure, condite con olio e varie erbe aromatiche e quindi utilizzarle come condimento per la pasta.

Proprio sfogliando quel libro, e avendo appena ricevuto le prime zucchine dell'orto di mio fratello, tenerissime, buonissime, mi è venuto in mente di unire le verdure a dei bocconcini di carne per farne un piatto sano, leggero, sfizioso. La mia aggiunta finale è una bella manciata di sesamo, che poi mi ricorda il tipico pane siciliano...

Ps. In foto una delle sue ultime creazioni, il piatto quadrato, decoro margherite.

Happy cooking!

Ingredienti

500 g di petto di tacchino (o pollo) tagliato a cubetti

2 zucchine piccole e tenere

2 carote fresche di medie dimensioni

1 spicchio d’aglio

rosmarino, salvia, timo

2 cucchiai di sesamo

Olio Extra vergine d’oliva

Vino bianco secco

Sale

Procedimento

Lavare, affettare sottilmente le verdure con l’aiuto di un pelapatate.

Riunire in una ciotola le verdure ed i bocconcini di carne.

Insaporire con un trito di rosmarino, salvia, timo.

Scaldare 3-4 cucchiai di olio con lo spicchio d’aglio in una padella sufficientemente larga, unirvi la carne con le verdure e fare cuocere rigirando in continuazione a fiamma molto alta.

La cottura sarà molto breve. sfumare con pochissimo vino bianco (30 ml circa). Salare e pepare, completare con il sesamo e servire la pietanza calda o a temperatura ambiente.