La mia pasta express, con ricotta

La cucina, per noi mamme di famiglia, anche se appassionate e gourmet, quando diventa quotidianità si vela inevitabilmente di fatica.

Non c’è solo lei, magari!, c’è il lavoro, la casa a tutto tondo, i figli e tutto quanto ne consegue… A volte la sera nel pronunciare la fatidica frase ‘è pronto!’ si ha la sensazione di aver compiuto davvero una gran corsa ad ostacoli per arrivare a sederci tutti a tavola.

Tutti mi dicono "a te piace cucinare, che fatica fai?". Fatica ne faccio anch'io, vi posso assicurare che la cucina di tutti i giorni è fatta di piatti semplici e veloci, poi ci sono i giorni speciali, quelli in cui cucino per queste pagine, e quelli in cui provo nuove pietanze e tecniche diverse per le mie lezioni di cucina.

Credo che una cosa fondamentale per ovviare alle problematiche che conosciamo, sia cercare di economizzare il tempo, stabilire i menu della settimana, e fare la spesa in base a quello e soltanto quello che realmente ci serve. Quando decido di dedicarmi alla cucina, cerco di utilizzare tutti i fuochi e le attrezzature, spesso il lunedì preparo delle basi utili per più giorni, dal soffritto express,  al brodo vegetale (lo faccio anche 2 volte alla settimana, con la pentola a pressione!), ad una crema di zucca o di zucchine che funzionano sempre per più preparazioni, immancabili le polpette o polpettine e via dicendo….

Quando sono accorta di piatti semi-pronti, un rimedio lo trovo sempre, un piatto di pasta accontenta tutti, ed è una delle cose più veloci da fare, pasta aglio e olio (con mio metodo anti schizzi), quella con la bottarga (la mia preferita), oppure questa, con la ricotta, una delle più quotate di casa mia. La preparava spesso mia madre, anche lei vita frenetica con l'insegnamento, l'attività di mio padre e 5 figli...

Per farla bene occorre una buona ricotta (qualità in primis!), passata al setaccio (o fatta andare per qualche secondo nel mixer), resa cremosa con un po’ di acqua di cottura della pasta che scioglierà anche qualche fiocchetto di burro, a cui aggiungo la pasta cotta al dente, tirata fuori dall’acqua (non la scolatela mai troppo, perdereste quel prezioso liquido che è ricco di amido che favorisce l’amalgama del condimento e la pasta e non la fa diventare mai completamente asciutta, troppo asciutta).

La ricetta che segue, è quella di base, neutra, ma a seconda del vostro umore, della giornata, o anche di quello che avete in casa, potete aggiungere un po’ di scorza grattugiata d’arancia o di limone, una grattata di noce moscata, oppure un mezzo cucchiaino di zafferano in polvere. Provate anche l’unione con della frutta secca tritata grossolanamente (buona e bella con un po’ di pistacchi), oppure un trito di erbe (mi piace molto con tanto basilico tritato finemente) o, ancora, con qualche fettina di prosciutto crudo tagliato molto finemente oppure salmone affumicato (ed erba cipollina).

Con qualche idea in più, ogni volta potrete prepararla in modo diverso, sembrerà un nuovo piatto.

Happy cooking!

Ingredienti

Per 4 persone

320 g di pasta

250 g di ricotta vaccina o di pecora o di capria

30 g di burro

Sale

Pepe

Grana grattugiato

Procedimento

Mentre la pasta cuoce in acqua salata e bollente, in una ciotola (o direttamente nel piatto da portata) radunare la ricotta passata al setaccio, unire un mestolino di acqua di cottura della pasta, sciogliervi il butto.

Togliere la pasta quando è ancora al dente, scolarla e trasferirla nel piatto da portata, amalgamarla alla crema di ricotta. Aggiungere se necessario dell’acqua di cottura, completare con del pepe e 2-3 cucchiai di grana grattugiato.