Fagioli zolfino con cipolotti e rosmarino

Un saluto da Londra, con una ricetta-non ricetta, più che altro un modo per parlarvi di un prodotto straordinario. Sono i fagioli zolfino dell’area del Pratomagno, dolcissimi, dalla buccia molto sottile, che utilizzo volentieri quando faccio delle lezioni di cucina all’estero. Di solito arrivo nelle scuole di cucina solo qualche ora prima della lezione quindi posso cuocere durante la lezione questi fagioli perché hanno bisogno di poco tempo di ammollo.

Li ho preparati lo scorso mese quando sono stata in Lituania con la delegazione del Consorzio Nazionale Olivocoltori (http://www.cno.it). Ottimi, davvero! Conditi con dell’olio d'oliva extra vergine toscano e serviti come accompagnamento con il filetto al sale, rucola e pomodorini. Un connubio fantastico. E… posso dirlo? Che bello vedere il viso sorpreso di persone che non hanno mai assaggiato un prodotto simile e che bello sentirsi ringraziati per aver portato un po’ d’Italia sulla loro tavola!

Abbiamo un patrimonio gastronomico incredibile. Iniziamo prima di tutto noi italiani a conoscere meglio quello che Madre Natura ci ha voluto regalare!

I fagioli fanno bene, hanno proteine vegetali, andrebbero consumati anche 2-3 volte alla settimana. E al di là della qualità zolfino (poco reperibile) le varietà regionali sono tantissime, vale la pena scoprirle o riscoprirle…

Happy cooking!

 

Ingredienti

Per 6-8 persone

250 g di fagioli zolfino

1 cipolla bionda

1 spicchio d’aglio

2 cipollotti

1 costa di sedano

1 rametto di rosmarino

Olio extra vergine d'oliva

Sale

Pepe

 

Procedimento

Lavare molto bene i fagioli, facendo più risciacqui.

Metterli in un tegame (possibilmente di coccio) e coprirli d’acqua, che deve essere almeno 5 cm sopra il livello dei fagioli. Metterli a cuocere con la cipolla intera ed uno spicchio d’aglio. Fare sobbollire a fuoco molto lento per circa 2 ore. Se necessario aggiungere acqua bollente. 

Salare a fine cottura. 

Eliminare il liquido in eccesso e condirli con olio extra vergine d'oliva pepe i due cipollotti affettati e il sedano, anch’esso affettato. Completare con del rosmarino. 

Servire con del pepe nero macinato fresco.