Insalata di limoni con tonno, cipolla di Tropea, olive taggiasche

Quest’anno l’albero di limoni di zia Felicetta è particolarmente rigoglioso, saranno state le temperature favorevoli, saranno state le “carezze” e le dolci parole di chi (mia zia) sussurra dolcemente a tutte le sue piante. Le cura, le ama al punto da avere loro come primo e ultimo pensiero della giornata. Può sembrare esagerato ma è così, quando vado a trovarla la prima cosa che fa è invitarmi a vedere le sue rose, le orchidee, le calle….  Lei non recide mai i suoi fiori, soffre anche nel tagliare qualche foglia di basilico, figuriamoci come possa soffrire quando le chiedo de limoni…

Potete ben immaginare la mia faccia incredula quando, spontaneamente, domenica mi ha regalato un bellissimo cesto di limoni! Li ho tenuti in bella vista nella fruttiera che ho in cucina, li ho ammirati tanto, mi hanno fatto compagnia...

Io e i limoni? direi rapporto conflittuale, dall'odio all'amore. Eh sì, perché dovete sapere che solo da poco tempo è diventata mia abitudine sorseggiare una limonata calda a digiuno (consiglio datomi dalla mia amica dottoressa Evelina Flachi) e quello che ho notato è che, coincidenza, durante l’inverno non ho avuto neanche un raffreddore! Ma io e il limone non siamo andati mai molto d’accordo, quel gusto acido e aspro…. ohhhh… ogni volta che me lo ritrovavo in qualche condimento mi tornava sempre mente il famoso tè con tanto limone che ci preparava mamma quando stavamo poco bene, ed io proprio non lo sopportavo, mi faceva stare anche peggio!

Adesso che il mio rapporto con il limone è migliorato e comincio a non poterne fare a meno, sono arrivata a gustarlo così, nature, a spicchi. Certo, deve essere un limone buono, dolce, e quelli di zia lo sono, eccome.

E con tutti quei buoni limoni a disposizione ho voluto preparare un'insalata: unito il tonno (di ottima qualità, meglio ancora la ventresca), la cipolla di Tropea (quella igp), olive taggiasche, qualche mandorla spezzettata (nota crunchy!), basilico, menta e del buon olio delle nostre colline aprutine.

Siete tentati? Osate pure!

Happy cooking!

 

Ingredienti

Per 4 persone

4-6 limoni non trattati

1 cipolla fresca di Tropea

120 g di tonno sott’olio

50 g di olive taggiasche

30 g di mandorle non pelate

50 g di songino, mondato, lavato e asciugato bene

Basilico

Menta

Miele d’acacia

Olio extra vergine d’oliva (aprutino)

Sale

 

Procedimento

Pelare i limoni togliendo bene la parte bianca. Affettarli. Tenere da parte le fette meno belle per recuperare il succo.

Mondare e affettare sottilmente la cipolla.

In un piatto da portata disporre prima il songino, quindi le fette di limone, il tonno sbriciolato, le rondelle di cipolla, le olive e le mandorle tritate grossolanamente.

In una ciotola riunire 5 cucchiai di olio, un pizzico di sale, unire 3 cucchiai di succo di limone 1-2 cucchiaini di miele, battere bene per creare un’emulsione, unire 2-3 foglie di basilico e di menta, finemente sminuzzate.

Condire l’insalata con l’emulsione e servire.