Insalata di pesce con agrumi, corbezzolo e melagrana

Che noia il petto di pollo alla griglia ed il pesce lesso! Sono i classici piatti consigliati per il "rimise en forme" e sono, a mio avviso, l'anticamera del fallimento di un regime restrittivo. Perché a meno che non hai 20 anni ed il cuore che ti batte forte per qualcuno/a... A meno che non sei sotto esame e quindi non avverti più sensazioni di fame o sete, di caldo o freddo... A meno che non stai passando un periodo di grande stress e ti dimentichi del cibo (situazione che non ci auguriamo!!!), diciamocelo francamente: per resistere e tenere fermo l'intento di "rimise en forme" (o semplicemente di curarsi un po' di più, volersi bene, alimentarsi nel modo giusto) ci vuole costanza, tanta forza di volontà, tempo, e ci vuole anche un po' di allegria e fantasia nel cucinare, perché è importante variare colore, forme, sapori.

Dunque, avete deciso di mettervi sulla buona strada della cucina salutare? Il mio consiglio è di investire del tempo per la preparazione di piatti davvero gradevoli. Ci hanno sempre detto di avere a disposizione in frigorifero finocchi, carote, sedano per far fronte gli attacchi di fame... Ma quando mai una carota riesce a soddisfare la voglia di dolce che prende a metà pomeriggio? Provate a grattugiarle e metterci insieme qualche pezzetto di ananas... I finocchi? Bene con delle fette d'arancia e casomai un  pizzico di cannella. E poi, qualche mandorla o dei semi oleosi (senza esagerare) faranno la differenza. Ed il sedano? Con mele verdi e un po' di basilico. Vogliamo parlare di estratti e centrifugati? Ottimi, sicuramente, ma poi, scusatemi, chi lava questi strumenti? Che noia vuotarli e mettersi lì con spazzola e olio di gomito! Dopo l'entusiasmo iniziale che mi ha portata a preparare centrifugati per tutta la famiglia per intere settimane, alla fine io mi sono arresa e sono tornata all'amato frullatore: sbuccio arance, limoni, pompelmi, li conservo in contenitori ermetici in frigorifero anche per più giorni e quando voglio, in 20 secondi è pronta una sorta di spremuta di agrumi che però conserva tutta la parte fibrosa e regala un buon senso di sazietà! 

E poi... l'ho già scritto in precedenza (la scelta del piatto per me è fondamentale): cerchiamo di dare colore ai nostri piatti, contorniamoci di cose belle, e tutto funzionerà meglio. Eh si, ci vogliono piatti piacevoli per vista e palato, e non piatti "da ospedale" (io rivoluzionerei anche quelli!!).

Bene, come si comincia? Con una bella insalata? Tanto pesce, insieme a verdura, ed agrumi. Un piatto completo, se uniamo ad esempio del riso nero, avremo un piatto completo, sano, piacevole.

Happy cooking! 

Ingredienti 

per 4 persone

500 g calamari, puliti, tagliati a rondelle

200 g gamberi

300 g di filetto di salmone (con la pelle) 

1 carota

1 costa di sedano

1 cipolla

1 cucchiaio di pepe 

1/2 bicchiere di vino bianco 

1 cedro

2 arance

12 corbezzoli 

100 g di chicchi di melagrana

1 mazzetto di rucola 

olio extra vergine di oliva

1 cucchiaino di senape

1 cucchiaino di miele d'acacia

sale

pepe bianco

Procedimento

Preparare un brodo in cui cuocere il pesce: versare 2 litri di acqua in una pentola, unire sedano, carota, cipolla (tagliati a pezzi), Unire auliche chicco di pepe, il vino bianco e portare ad ebollizione, abbassare la fiamma e fare sobbollire per 10 minuti.

Cuocervi per due minuti i calamari, scolarli e tenere da parte. Quindi, i gamberi, appena cambiano colore, scolarli e sgusciali. Immergere il fletto di salmone, Sbollentare per 1 minuto i calamari, mettendo prima i ciuffi, poi le rondelle. Scolare su piatto foderato con carta assorbente e tenere da parte. Sbollentare anche i gamberi, sgusciarli. tenere da parte.

Immergere il salmone, cuocere a fiamma bassa per 8 minuti, spegnere il fuoco e lasciare riposare per altri 10 minuti (i tempi cambiano a seconda della dimensione del pesce). Scolare e tenere da parte.

Intanto, preparare gli agrumi: affittare il cedro ben lavato. Tagliare "a vivo" le arance, ricavandone degli spicchi puliti, senza pellicine. Raccogliere il succo, e spremere quanto rimasto. Preparare il condimento mescolando con una piccola frusta 100 ml di succo di arancia, 40 ml di olio, il miele, la senape, sale, pepe bianco. Si formerà un'emulsione che non sarà stabile, quindi se si prepara in anticipo, prima di servirla, battere nuovamente.

In un piatto di portata disporre la rucola, ben lavata ed asciugata, i calamari, i gamberi, il salmone, sfaldato. Completare con la frutta: cedro, arance, corbezzoli, melagrana. Condire con il condimento preparato.