Minestra di riso al latte

C’era il tempo in cui latte, riso, farina di granturco – mais – rappresentavano gli ingredienti base della cucina delle regioni settentrionali.  Il riso, cotto nel latte, casomai un buon latte di montagna, rappresenta quel piatto che molti lombardi-piemontesi-veneti che legano ai ricordi delle nonne, a quel mangiare parco, ma non monotono. Una minestra che poteva contenere ogni volta un ingrediente in più, qualche pezzetto di zucca, patata o porro, oppure delle castagne precotte. Piatti prevalentemente della sera, che regalavano senso di sazietà e conciliavano il sonno.

Io non sono cresciuta con riso (o polenta) e latte, semmai ho inzuppato una fetta di pane tostato nella ciotola colma di latte (e mi piaceva moltissimo!) ma ai miei figli, quando erano piccoli, ho spesso preparato questa minestra. Oggi preferiscono altre pietanze, non lo diranno mai, ma il riso al latte, in versione dolce o salata, anche per loro è un piatto consolatorio e denso di piacevoli ricordi.

Happy cooking!

Ingredienti

1.5 L di latte fresco

200 ml di acqua

200 g di riso per minestre

burro

sale grosso

(noce moscata)

Procedimento

In una tegame mettete il latte, l'acqua, il sale e mettete sul fuoco.

Quando inizia a sobbollire aggiungere il riso, far cuocere a fiamma dolce, per circa 15 minuti (il tempo dipende dalla qualità di riso), quindi versare nelle fondine e aggiungere un pezzetto di burro e, volendo, un po’ di noce moscata.

Servire quando la minestra è intiepidita ed ha formato una pellicola superficiale.