Orecchiette di grano arso con melanzane e burrata

La storia del grano arso è comune a quella di tanti prodotti che un tempo venivano adoperati solo dalla gente davvero povera, mentre oggi sono vere e proprie leccornie. 

Lì dove c’erano i campi di grano la gente poco abbiente andava a recuperare le spighe che i mietitori facevano cadere. Inoltre c’erano quelli, ancor più disagiati, che faticavano a portare qualcosa a tavola, che raccoglievano il grano arso: dopo la mietitura si dava fuoco alle ristoppie, e quei chicchi di grano che scivolavano a terra, anche se bruciati, venivano recuperati, macinati ed utilizzati per orecchiette, maccheroni, strascinati, pane.

La scorsa settimana al banco dei prodotti pugliesi del mercato avevo acquistato delle orecchiette di grano arso, le avevo preparate con le verdure strascinate, oggi le ho riprese e preparate con le melanzane… unito un po’ di burrata… e voilà!

Happy cooking!

Ingredienti

500 g di orecchiette di grano arso (oppure pasta integrale)

2 melanzane viola chiaro

300 g di burrata

1 spicchio d’aglio

Origano fresco

brodo vegetale

Parmigiano

Olio extra vergine d’oliva

Sale

Pepe nero di mulinello

Procedimento

Sbucciare le melanzane. (le bucce possono essere tagliate a julienne e fritte per decorare). Tagliare a dadolata la melanzana.

Cuocere  le melanzane in padella con 4-5 cucchiai di olio extra vergine d'oliva ed uno spicchio di aglio. Salarle, portare a cottura a padella coperta. Frullarne la metà con 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato, e del brodo (o acqua di cottura della pasta) per ottenere una crema.

Profumare con origano fresco.

Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla al dente, versarla in una terrina. Condire al pasta con il purè di melanzane e con i cubetti di melanzane.

Spezzettare la burrata. Unirla a fuoco spento alla pasta.

Decorare il piatto con foglioline di origano  e una generosa macinata di pepe nero.