Pupe, cavalli, cuori per Pasqua

Quando ero piccola per me non c’era Pasqua senza la pupa. Mi piaceva quella fatta con la “pasta di mandorle” (così la chiamano da noi, da non confondere con quella usata in pasticceria per decori e pasticcini), ma senza cioccolato e ben decorata.

E’ una bellissima tradizione e tutt'oggi a Pasqua le bambine ricevono in dono la pupa, i maschietti i cavalli mentre il cuore va a chi si vuol bene il cuore. Qualche anno fa ho insegnato a fare questi dolcetti pasquali ad un gruppo di bambini della scuola elementare di Pineto (Te) e così ho preso a farli anch’io per i miei figli. Quest'anno io ho preparato l'impasto e Niccolò si è divertito a ricavare le sagome e quindi decorarli. Di certo non sono i dolcetti perfetti da pasticceria, ma hanno proprio la poesia di quelli fatti con sentimento da mani piuttosto inesperte, vero?

La ricetta che segue è quella di mia zia,  è stata anche pubblicata sul libro Il Cucchiaio d’argento, la cucina regionale, ma so bene che in altre case abruzzesi si preparano con impasto morbido, senza mandorle oppure con pasta frolla.

Happy cooking!

Ingredienti

500 g di mandorle spellate, tostate e tritate

500 g di farina

10 g di lievito per dolci

100 g di zucchero

5 uova

1 limone

1 cucchiaino di cannella

3 cucchiai di olio.

Per la glassa:

250 g circa di zucchero a velo

1 albume   

Oppure cioccolato

Corallini e perline di zucchero

Procedimento

Sul piano di lavoro disporre a fontana la farina setacciata con il lievito, unire le mandorle tritate, al centro sgusciate le uova, aggiungete zucchero, cannella, olio, buccia grattugiata di limone. Sbattere le uova con la forchetta e iniziare a unire pian piano la farina con le mandorle. Incorporare bene tutti gli ingredienti e lavorarli fino a ottenere un impasto morbido, ma sostenuto. Se troppo morbido aggiungere farina. Lasciare riposare per 30 minuti.

Scaldare il forno a 180°C.

Infarinare leggermente il piano di lavoro e dividere l’impasto in più porzioni. Modellare la pasta ricavandone cuori, bamboline, cavalli, disporli in una teglia foderata con carta forno e cuocere in forno caldo per 20 minuti circa.

Fare raffreddare. Nel frattempo preparare la glassa: setacciare lo zucchero a velo, unite l'albume (1 o 2 a seconda della grandezza delle uova), sbattere con la frusta e spalmare la glassa sui biscotti. Se si vuole la glassa al cioccolato, farlo sciogliere a bagnomaria e spalmare sui biscotti. Decorare con corallini e perline.