Purea di fave con cime di rape e olive fritte

Questo è il piatto che ho presentato alla trasmissione Geo and Geo la scorsa settimana. In quella puntata si parlava di olio d’oliva, di ieri ed oggi, di come un tempo si produceva l’olio e di come lo si fa oggi.

Mi avevano chiesto di preparare un piatto tradizionale dei giorni della raccolta delle olive. Ho subito pensato alle olive fritte, ma non quelle ascolane, bensì le pugliesi, fresche, che possono essere saltate in padella con aglio e odori. C’è chi usa quelle più dolci e chi ama il sapore più forte delle olive coratine. E’ una preparazione di tutto il Sud-Italia, ogni regione lo caratterizza con odori diversi.

Sono ottime da offrire come stuzzichino, io le ho unite ad una pura di fave con delle cime di rapa (ripassate in padella), crostini di pane e una bella grattugiata di ricotta salata.

E questo è il video della puntata.

http://rassegna.cia.it/gestione/imgrs.asp?numart=16NPZ1&annart=2011&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1&isjpg=S&small=N&usekey=B6FHL&video=1

Happy cooking!

Ingredienti

500g di   fave secchesenza buccia

200g di olive nere fresche

1 pezzetto di cipolla

1 pezzetto carota

1 piccolo pezzo di sedano

1 patata

1 Kg cime di rape

1 Peperone dolce secco (facoltativo)

1 Peperoncino

1 spicchio di aglio                                                                    

50 g di ricotta di pecora stagionata (o pecorino fresco)

6 fettedi Pane casareccio integrale, affettato e tostato

Olio extra vergine d’oliva

Sale

Procedimento

Mettere a bagno le fave per una notte

Il giorno metterle in un tegame con sedano, carota, cipolla, patata, e cuocere per circa 2 ore. Salare a fine cottura.

Fare intiepidire e frullare con poco olio.

Cuocere in padella le olive con poco olio, uno spicchio d’aglio, del peperoncino, qualche pomodorino.

Intanto ripassare in padella con olio, aglio (peperone dolce secco) peperoncino, le cime di rapa sbollentate.

Servire la purea di fave con le olive, le cime ripassate in padella, completare con ricotta stagionata, olio novello.

Accompagnare il piatto con pane casareccio tostato.