Rotolo di maiale con la pesteda

Tempo fa una mia amica, Rita - che ha vissuto diversi anni a Sondrio - mi aveva portato in dono della pesteda di Grosio, specialità valtellinese, una mistura di aglio, pepe, erbe di montagna come l’Achillea nana e il timo serpillo in quantità segretamente custodite, ed altri ingredienti che ognuno aggiunge per personalizzare questa preparazione.

E’ molto particolare, da provare, quindi se passate in quelle zone, vi consiglio di fermarvi ad acquistarne qualche vasetto: un pizzico di pesteda dà sapore alle verdure o carni bollite e cambia completamente il sapore al gettonatissimo petto di pollo alla griglia che in previsione dell'estate - e della famigerata prova bikini - sicuramente cucineremo un po' di più!

Se non avete la pesteda di Grosio farete lo stesso questo arrosto ma la sostituite con un misto di sale, aglio, pepe, qualche bacca di ginepro, rosmarino, salvia, menta e due capperini dissalati… 

Happy cooking!

Ingredienti

800 g di lonza di maiale

2 cucchiai di Pestada di Grosio

1 bicchiere di vino bianco secco

Olio extra vergine d'oliva

Sale

Pepe

Procedimento

Tagliare la carne ad un centimetro dalla superficie, in modo da poterla quasi aprire a libro. Spalmare sulla superficie interna la pestada, chiudere e legare il pezzo di carne con lo spago da cucina,

Condire con sale e un filo d’olio.

In una pentola dal fondo pesante versare 4 cucchiai di olio, unire la carne e fare rosolare in ogni lato.

Versare il vino bianco e fare evaporare, coprire la pentola e cuocere per circa 35 minuti, controllando di tanto in tanto che vi sia un po’ di liquido di cottura.

Togliere la carne dal tegame e farla riposare su una gratella, coperta con carta stagnola, per 10 minuti. Togliere lo spago, affettare e servire con la salsa di cottura.