Scones

Quando sono a Londra, finita la mia lezione alla scuola di cucina Divertimenti, se riesco a trovare un posto libero (sì perché alcuni alberghi famosi hanno liste d'attesa di mesi!) mi concedo un afternoon tea, detto anche high tea. E' una coccola speciale, in ambiente sempre molto elegante (alcuni alberghi hanno un dress code molto rigido e non ti fanno entrare se indossi scarpe da ginnastica!) con sottofondo sonoro, in alcuni locali c'è anche musica dal vivo, il suono è quello del pianoforte o dell'arpa. Le porcellane, la tovaglia bianca, i fiori, gli algenti e le alzatine. Tutto impeccabile. Io sfoglio la carta del tè, la leggo sempre tutta, attentamente, ogni volta ne provo uno diverso, e mi godo la carrellata di scones e sandwiches. Arrivano anche piccoli pasticcini. Non posso di certo concedermi tutto quel ben di Dio, ma agli scones, che arrivano sempre caldi, e fragranti, non rinuncio mai. Da accompagnare con clotted cream e confetture. Che bontà!

In Inghilterra, dove il tè, come bevanda, è entrato appieno nella metà dei Seicento, la tradizione dell'afternoon tea è nata in ambiente aristocratico nel diciannovesimo secolo grazie alla Duchessa di Bedford. Al tempo era abitudine fare un'abbondante colazione, saltare il pranzo, e passare direttamente alla cena. La duchessa, invece, sentendo un certo languore a metà pomeriggio, cominciò a farsi servire questa bevanda accompagnata dai tradizionali sandwiches, e iniziò ad invitare le amiche per questo rituale. Poi, tutte insieme a fare una passeggiata nel parco. Fu un successo, si diffuse immediatamente tra le altre nobili signore e divenne un vero e proprio rito nei salotti aristocratici. 

Ed io, al ritorno a Milano, avendo riportato un buon tè, una miscela creata da Fortun and Mason per celebrare i 60 anni del regno della regina Elisabetta, ho preparato degli scones da accompagnare a questo tè così “regale”. Premessa doverosa: questa non è la classica ricetta, ma una mia versione un po’ meno burrosa (potete anche sostituire la panna con il latte). Mi piace aggiungere farina di mandorle a quella di frumento, e, per cambiare, oggi ho unito quella di nocciole, che dire… squisiti! In Italia non si vende il clotted cream, un po' complicato farlo in casa, lo sostituisco con mascarpone....

Happy cooking!

Ingredienti

400 g di farina

50 g di farina di nocciole (nocciole tritate finemente) o di mandorle

20 g di lievito in polvere

60 g di zucchero

Un pizzico di sale

375 g di panna

Latte

Sale

Confettura preferita

Mascarpone

 

Procedimento

Scaldare il forno a 200C°.

Mettere nel mixer la farina setacciata con il lievito, insieme alla farina di nocciole, lo zucchero, un pizzico di sale. Azionarlo ed unire la panna, amalgamando gli ingredienti insieme.

Trasferire l’impasto, che risulterà molto morbido, su un piano di lavoro leggermente infarinato.

Stendere l’impasto con un matterello, spessore circa 1 cm e mezzo. Con un tagliapasta circolare ricavare gli scones. Spennellarli con del latte e cuocere in forno caldo per circa 15 minuti.

Servire con mascarpone, marmellate e confetture, frutta fresca.