Spaghetti di patate alla gricia

E' il Primo Aprile????!!!!! Di già??? Il tempo vola! Ricordate quando a scuola in questo giorno tutti si divertivano a fare scherzi, disegnare i pesci e poi ritagliarli è appiccicarli ovunque? Quante risate! E’ una tradizione conosciuta in molti paesi, in Francia un tempo si stampavano anche delle cartoline augurali per questa celebrazione del "poison d'Avril".

Oggi, volendo fare uno scherzo gastronomico ho pensato di preparare questi spaghetti che hanno tutta l’apparenza di quelli veri, ma in realtà sono di patate. Li ho conditi alla gricia, l’Amatriciana prima dell’avvento del pomodoro.

Per fare gli spaghetti di patate avete bisogno di un attrezzo che taglia in modo particolare le verdure. Io l’avevo acquistato tanti anni fa in Giappone ma ho visto che ora è facilmente reperibile in molti negozi di casalinghi, con questo strumento particolare potrete divertirvi a dare alle verdure forme diverse. Io spesso mi preparo gli spaghetti di zucchine, ho l’illusione di mangiare pasta ma risparmio tante calorie!

Happy cooking!

Ingredienti

4 patate di medie dimensioni

150 g di guanciale di buona qualità

30 g di strutto (o olio extra vergine d’oliva)

50 g di Pecorino

Sale

Pepe

Procedimento

Tagliare le fette di guanciale a cubetti. Grattugiare il pecorino.

In una padella (tradizionalmente di ferro) lo strutto (o l’olio, ma la ricetta tradizionale prevede lo strutto) ed unirvi il guanciale. Cuocere a fiamma bassa, mescolando, fino a quando avrò assunto la giusta coloritura dorata.

Pelare le patate e tagliarle con l’apposito attrezzo. In una pentola portare a bollore dell’acqua, salarla. Cuocervi per 3 minuti le patate. Scolarle e passarle nella padella con il guanciale. Amalgamarvi del pecorino ed unire una buona manciata di pepe nero, macinato fresco.

Servire aggiungendo del pecorino e del pepe macinato fresco.