Zuppa di orzo con castagne e funghi porcini

Lele, mio figlio, lo avete letto più volte su queste pagine, rifiuta categoricamente quasi tutta la verdura e la frutta, e si oppone in modo categorico all’assaggio di nuovi sapori. Per quanto mi sia sempre sforzata di capire certi meccanismi della mente umana, ormai ho gettato la spugna. Troppo complicato capire perché orzo sì, farro no. Funghi sì, tartufo no. Castagne sì, zucca no a meno che non sia ben nascosta. Spinaci sì, ma mai come contorno, zucchine sì ma solo nel risotto o nei muffins.

Vai a capire i perché di quei tanti bambini, ragazzi ma anche adulti che serrano la bocca e non provano niente di nuovo. Mah. Incomprensibile per me che mangio praticamente tutto e curiosa come sono, vado sempre alla ricerca di sapori diversi e piatti intriganti.

Detto questo, capite perché questa zuppa è un must di casa mia. Certo, non la posso preparare tutte le settimane, perché richiede un po’ di tempo, allora quando la cucino, faccio doppia dose e conservo in freezer in monoporzioni.

In questo periodo utilizzo i funghi porcini e le castagne fresche, poi, quando non ci saranno più si passerà a quelli secchi.

Come dicevo, richiede un po’ di tempo, ma c’è una mia grande alleata che riesce a diminuirlo… Immagino abbiate già capito, è la pentola a pressione!

Happy cooking!

Ingredienti

250 g di orzo perlato

300 g di castagne

300-400 g di funghi porcini

1.2 L di brodo vegetale o brodo leggero di carne

2 cucchiai di battuto di sedano, carota, cipolla

30 g di burro

30 g di speck

alloro

1 rametto di rosmarino

2 foglie di salvia

olio extra vergine d’oliva sale

pepe

Procedimento

Cuocere le castagne: lavarle bene, metterle in acqua fredda con due foglie di alloro e cuocerle per 1 ora circa (22-25 minuti con la pentola a pressione).

Sbucciarle e spellarle quando saranno raffreddate, tenere da parte.

Pulire i funghi porcini, mondarli, tagliarli sottilmente.

Scaldare il brodo

In una casseruola rosolare il battuto con il burro e 2 cucchiai di olio, unire lo speck tritato ed i funghi. Mescolare bene, versarvi l’orzo sciacquato sotto acqua corrente e scolato. Unire anche il rosmarino e la salvia ben legati con fio da cucina.

Mescolare, aggiungere 1 litro di brodo caldo e a metà cottura aggiungere le castagne spellate.

Aggiustare di sale, unire ulteriore brodo qualora fosse necessario, e si desiderasse una zuppa più brodosa.

A fine cottura, completare con un filo d’olio e del pepe macinato al momento.